Curiosità

3 curiosità sulla Pasqua che (forse) non conoscevi

Della Pasqua si conosce tutto o quasi. Insieme al Natale, si tratta della festività più importante per i cristiani. Nel corso dei secoli, tuttavia, proprio come il Natale, anche Pasqua ha conosciuto importanti mutamenti che ne hanno modificato la tradizione, almeno dal punto di vista”profano”.

Tra le tante notizie che riguardano la Pasqua, ecco 3 curiosità più o meno note.

Babbo Pasquale, il “re” della festa

Lo sapevi che esiste anche un Babbo Pasquale? In realtà, non si tratta di un vero e proprio uomo barbuto e dal pancione evidente. Anzi. Secondo la tradizione dei paesi anglosassoni, il “Babbo Natale” di Pasqua è il Coniglietto Pasquale o di Primavera.

Proprio come il suo “collega” invernale, anche il Coniglietto entra nelle case per lasciare uova, cioccolata, giocattoli e altri doni. Questa figura nasce dalla divinità nordica Eostre (da cui Ester, ovvero “Pasqua” in inglese). Il suo significato è strettamente legato alla fertilità in quanto, nei vari riti, era accompagnata da una lepre che deponeva l’uovo della vita per annunciare l’arrivo del nuovo anno.

Easter Egg

Un Easter Egg, contrariamente a quanto si possa pensare, è uno scherzo informatico. Tradotto in italiano come “Uovo di Pasqua”, si tratta di un contenuto che progettisti o sviluppatori nascondono nel loro prodotto.

Il richiamo alla più classica tradizione pasquale è tanto esplicito quanto azzeccato.

Pasqua o Halloween?

In alcuni Paesi scandinavi, Svezia e Finlandia soprattutto, la tradizione pasquale sembra quasi mescolarsi con Halloween. Il giovedì santo (skärtorsdag), infatti, è possibile incrociare bambine o ragazze travestite da streghe.

Il motivo è da riscontrare in una tradizione specificamente nordica: le streghe dello skärtorsdag riportano alla mente la presenza delle fattucchiere che ballavano col diavolo a Blåkulla volando sui manici di scopa. Spesso, a questa tradizione si accompagna quella dei falò che servono ad allontanare le presenze maligne.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button