Cronaca

Napoli, ennesima aggressione al Santobono

Ancora una aggressione al Santobono di Napoli. Questa notte, poco prima delle 2, una bambina è arrivata in codice bianco per odontalgia seguita da lipotimia.

Aggressione al Santobono di Napoli

Dopo tre minuti di attesa, il padre della bambina iniziava ad urlare e picchiare con forza contro la porta ed il vetro del triage, fino a provocarne la rottura con un violento calcio. L’uomo inoltre ha verbalmente aggredito il personale sanitario, in particolar modo l’infermiera di turno apostrofandola con parole come “Moccosa” “Str***a”.  L’aggressore ha poi inveito contro le guardie giurate minacciando di tornare armato di pistola.

L’aggressione ha spaventato gli altri bambini presenti e così sono state allertate le forze dell’ordine, gesto che ha scatenato ulteriormente l’uomo: “Tanto domani torno e vi ammazzo tutti”. La presenza delle guardie giurate ha impedito che la situazione degenerasse, costringendo il personale a barricarsi dentro l’ospedale, rallentando però le attività assistenziale.

L’intervento di Alviti

Sulla questione aggressioni nei nosocomi napoletani è intervenuto anche Giuseppe Alviti, leader dell’associazione guardie giurate: “Un plauso speciale all’operato delle guardie giurate intervenute. Allo stesso tempo sollecito un incontro, ancora una volta, col governatore De Luca”.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button