Cronaca

Agguato al centro di Napoli, i killer erano travestiti da operai

Agguato al centro di Napoli, i killer erano travestiti da operai. Scoperto chi era l’obiettivo dei sicari, le notizie degli investigatori iniziano a dare una forma ai fatti.

Agguato al centro di Napoli, i killer erano travestiti

Emergono retroscena inquietanti dietro la stesa avvenuta venerdì scorso a via Francesco Saverio Correra, il famoso ‘Cavone’ di piazza Dante. L’obiettivo dei sicari era Luigi Lepre “o cines”, nipote dello storico capoclan Ciro “o sceriff” (deceduto nei mesi scorsi). Stando alle notizie raccolte dagli investigatori Lepre era in strada pochi minuti prima dell’agguato: in tutto sono stati esplosi nove colpi calibro 9×21.


Agguato, camorra, Napoli, area orientale, killer, boss, clan


Le motivazioni e i particolari

Il particolare è che l’assalto è stato guidato da uomini vestiti da operai, forse un modo per non dare nell’occhio o, molto probabile, un escamotage utilizzato per poter scappare indisturbati mimetizzandosi poi nel traffico cittadino. Sulle motivazione che hanno poi portato alla stesa c’è il massimo riserbo: da tempo nella zona vi sarebbe un giovane ras che avrebbe consolidato il proprio potere (legato in passato agli stessi Lepre) anche grazie ai “buoni uffici” con il gruppo Saltalamacchia dei Quartieri spagnoli, altra “realtà emergente” della camorra cittadina.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto