Politica

Alberi da potare, l’argomento in commissione

NAPOLI. La commissione presieduta da Marco Gaudini ha discusso del tema con l’assessora all’Ambiente Maria D’Ambrosio, la dirigente del Servizio Verde Teresa Bastia e Paolo Ciancio presidente del Comitato civico Vomero Arenella.

Diverse le segnalazioni di alberi che richiedono interventi di potatura di varia entità, corredate da documentazione fotografica, sottoposte all’attenzione della commissione dal Comitato civico Vomero Arenella. Si tratta, in particolare, degli alberi presenti nelle vie Domenico Fontana e Bernardo Cavallino, situazioni caratterizzate spesso dalla presenza di rami bassi che impediscono il transito dei pedoni sui marciapiedi. In questi casi, ha spiegato la dirigente del Servizio Verde, si interverrà sicuramente per garantire il transito pedonale, nell’ambito delle numerose urgenze che il servizio cerca di risolvere compatibilmente con le difficoltà di tipo tecnico ed economico.

In questi giorni, che vedono l’aggiudicazione di una delle gare per il verde, si registra la disponibilità di un’associazione che ha messo a disposizione dell’Amministrazione un cestello e un potatore. Sotto la direzione del servizio e dei tecnici comunali sarà così possibile avviare diversi interventi, che saranno rigorosamente scelti in base alle priorità indicate dal censimenrto effettuato sulle alberature cittadine. Rispetto alla situazione particolare delle vie segnalate dal Comitato civico, la dirigente Bastia ha individuato poche unità di alberature bisognose di interventi drastici, su un totale di duecento alberi. Resta difficile, comunque, la situazione dell’intero quartiere collinare, caratterizzato dalla presenza di molti alberi, come i platani, posti nelle vicinanze immediate dei fabbricati che richiedono interventi radicali di potatura.

La disponibilità dei privati, ha aggiunto l’assessora D’Ambrosio, consente di assicurare gli interventi più urgenti, già definiti, che saranno ulteriormente intensificati laddove dovessero individuarsi ulteriori disponibilità di collaborazione. Fondamentale, in questa fase, è la collaborazione dei cittadini, soprattutto se ben documentata, per definire ancora meglio il piano delle priorità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button