Allarme suicidi in Campania: la causa, mancanza di lavoro

impiccato

Cifre rosso sangue quelle che riguardano i suicidi a causa della mancanza di lavoro: tra loro anche tantissimi professionisti, soprattutto avvocati

Negli ultimi cinque anni – dal 2012 al 2017 – in Italia ammontano a 937 le persone che si sono tolte la vita a causa della mancanza di lavoro e per problemi economici.

Allarme suicidi in Campania

Cifre rosso sangue quelle che riguardano i suicidi a causa della mancanza di lavoro. Tra loro anche tantissimi professionisti, soprattutto avvocati e commercialisti. Il capoluogo partenopeo, purtroppo, non fa eccezione: a Napoli negli ultimi tempi si sono registrati alcuni tragici episodi. Due avvocati si sono tolti la vita, il primo lanciandosi nel vuoto dal ponte del Virgiliano, il secondo impiccandosi nei bagni nella palazzina che ospitava i giudici di pace di Marano. E sono tante le segnalazioni che si aggiungono: casi ancora tutti da verificare (come quello di un ex penalista che sopravviverebbe, sempre al Vomero, vendendo cianfrusaglie su una bancarella), ma che indicano lo stato di profondo disagio umano ed economico vissuto da tanti avvocati e professionisti finiti nel baratro delle nuove povertà.

TAG