Cronaca

Manifestazione per Andrea Covelli, il 27enne sequestrato e ucciso a Pianura: “Troppa violenza, vogliamo giustizia”

Pianura scende in strada per una manifestazione in ricordo di Andrea Covelli, il ragazzo di 27 anni sequestrato e ucciso lo scorso 29 giugno

Pianura scende in strada per una manifestazione in ricordo di Andrea Covelli, il ragazzo di 27 anni sequestrato e ucciso solo perché sospettato di essere vicino a uno dei sodalizi in lotta per il controllo delle attività illecite. Diverse le persone in strada che a voce alta chiedono giustizia e più controlli in una zona che ormai sembra alla deriva.

Pianura, manifestazione per Andrea Covelli: il 27enne sequestrato e ucciso

Il territorio di Pianura invaso dalla camorra. È l’allarme lanciato dalle forze dell’ordine che, dopo l’inizio della faida, riferiscono di vere e proprie squadre della morte, composte da quattro o sei persone in sella a scooter, si aggirano per le strade del quartiere in cerca di nemici da eliminare. “Agiscono dopo mezzanotte – racconta un investigatore – quando sanno che la nostra pressione sulla zona è diminuita. Operano in branco per timore di finire, a loro volta, in un’imboscata dei nemici e se la prendono con chiunque ritengono possa essere vicino ai loro avversari”.  Lo riporta anche l’odierna edizione de Il Mattino. 

Chi era Andrea Covelli, il ragazzo scomparso e ucciso a Pianura

Ma chi era Andrea Covelli? Un venditore ambulante, sempre disponibile con tutti. Vendeva fuochi di artificio, non aveva precedenti penali, né risultano coinvolgimenti in fatti di rilievo penale. Pochi mesi fa, era stato picchiato. A gennaio aveva subìto un’aggressione da gente del suo quartiere, per aver camminato in una zona vietata. Check point Pianura.


Andrea covelli ucciso pianura botti ras


Cos’è successo ad Andrea Covelli: la ricostruzione della vicenda

Ma cos’è successo esattamente ad Andrea Covelli? I familiari avevano perso i contatti con il 27enne intorno alle ore 3 del mattino del 29 giugno scorso. Stando alla loro versione dei fatti, raccontata anche in numerosi post sui social network, il ragazzo era uscito per andare a comprare dei cornetti. Era fermo in attesa che lo raggiungesse una sua amica. A quel punto, invece, sarebbero arrivati due sconosciuti in moto. Le telecamere di videosorveglianza avrebbero ripreso il ragazzo mentre veniva bloccato dai due, e che lo avrebbero obbligato a seguirlo.

Il 27enne sarebbe salito sul loro mezzo come passeggero, mentre l’altro della coppia si sarebbe messo alla guida dell’Sh 150 del giovane. I tre sarebbero stati ripresi, ancora, mentre si dirigevano dal bar di Soccavo a Pianura, svoltando a destra dopo la rotonda, quindi in direzione di via Padula o via Vicinale Pignatello. Molto probabilmente il ragazzo conosceva i due a bordo della moto e che sia stato attirato in una trappola. Toccherà ora agli inquirenti ricostruire le ore prima del suo sequestro e quanto accaduto in quei momenti.

Articoli correlati

Back to top button