Cronaca

Annullato dalla cassazione l’ergastolo al boss Guido Abbinante

NAPOLI. Colpo di scena al processo relativo all’omicidio di Giovanni Moccia avvenuto a Calvizzano il 27.09.07.

Il processo

Come si ricorderà, il capoclan Abbinante Guido era stato condannato all’ ergastolo con sentenza emessa il 29.12.16 dalla Corte di assise di Appello di Napoli – III sezione -.

La Suprema Corte, quinta sezione penale, presieduta dalla dottoressa Maria Vessichelli e che vedeva come relatrice la dottoressa Francesca Morelli, ha ribaltato il verdetto di “fine pena mai”.

Hanno fatto breccia i ricorsi proposti nell’interesse del boss Guido Abbinante da parte degli avvocati Dario Vannetiello e Romolo Vignola.

A lungo il Procuratore Generale, dott. Salzano, ha cercato di convincere i giudici di legittimità a confermare la sentenza di condanna, ma senza successo.

L’annullamento della sentenza è stato totale.

Eppure le prove a carico erano rappresentate dalle dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia: Piana, Cerrato, Pica, Prestieri Antonio e Maurizio, Ambra e Illiano.

Si dovrà svolgere un nuovo giudizio innanzi ad altra sezione della Corte di assise di appello.

Sentenza annullata anche per gli esecutori del delitto –  Ciprio Paolo, Baldassarre Salvatore e Esposito Giovanni-, difesi dagli avvocati Vittorio Giaquinto,   Claudio D’Avino e  Michele Basile.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button