Cronaca

Napoli, vandalizzata la facciata della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano: la denuncia dei cittadini

Borrelli: “Un patrimonio dell’umanità lasciato in balia dei folli"

La facciata della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano a Napoli completamente vandalizzata a meno di un anno di distanza dalla fine dei lavori di restauro. Borrelli: “Un patrimonio dell’umanità lasciato in balia dei folli. Tanta inciviltà? Si perché qui c’è tanta tolleranza e menefreghismo.”

Atti vandalici a Napoli: deturpata la facciata della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano

Sono terminati nell’ottobre del 2020 i lavori di restauro della antica chiesa di Napoli, quella dei Santi Cosma e Damiano, situata in largo Banchi Nuovi, rientranti nel programma del “Grande Progetto del centro storico di Napoli che punta al recupero e alla valorizzazione del centro storico della città partenopeo dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1995.

Eppure a meno di un anno di distanza, ecco che la facciata esterna della suddetta chiesa monumentale appare completamente invasa da graffiti e scritte realizzate in vernice spray, come segnalano diversi cittadini al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Le dichiarazioni di Borrelli

“Un patrimonio dell’umanità lasciato in balia dei vandali, degli incivili, dei cialtroni, deghi zozzoni. Ecco cos’è il nostro centro storico, ecco cos’è la nostra città ora. E se questo accade non è perché la nostra città sia più ‘ricca’ di incivili rispetto ad altre, qui non sono stati piantati i semi della cattiverà e dell’inciviltà, semplicemente mancano l’applicazione delle regole e la rigidità di chi deve vigilare su di esse.

È ovvio che i cittadini devono assumersi le loro responsabilità e che gli incivili, i vandali e delinquenti non possono in alcun modo essere tollerati e giustificati, ma se vi fossero dei ‘controllori’ più severi, meno inclini a voltare la testa dall’altra parte, allora avremmo di certo una popolazione di incivili più contenuta e soprattutto più imbrigliata. Chi amministrerà Napoli dal prossimo autunno dovrà soprattutto difendere il nostro patrimonio storico e culturale dalla follia incivile mettendo da parte, per sempre, tolleranza e permissivismo.”

Articoli correlati

Back to top button