Cronaca

Baby gang, il giudice Melita Cavallo: “Gomorra modello negativo”

NAPOLI. «Tolleranza zero anche nei confronti di chi ha meno di 14 anni, come previsto dalla legge, e stop ai modelli negativi esaltati dalle fiction stile Gomorra» così Melita Cavallo, giudice in pensione, ex presidente del Tribunale per i minorenni di Roma, intervistata da La Stampa, a proposito del problema delle baby gang. L’ex magistrato affronterebbe la situazione con un strategia «a breve e a lungo termine».

L’intervista

«Occorre – afferma – una risposta immediata delle istituzioni anche per gli under 14. Chi commette atti delittuosi come quelli che si sono verificati a Napoli non può tornarsene a casa dai propri genitori solo perché ha meno di 14 anni. In base all’articolo 25 del Regio decreto del 1934, ancora in vigore, si deve intervenire su tutti i minorenni che hanno una condotta irregolare».

«È evidente che una nuova consapevolezza può maturare solo lontano dai genitori che non sono stati in grado di educarli e di seguirli adeguatamente nel percorso di crescita». Cavallo sottolinea anche che «il branco esalta la violenza che in questo periodo spopola in tv e al cinema con Gomorra. Io ho letto e apprezzato i libri di Saviano, ma sullo schermo prevalgono modelli, idoli, decisamente negativi che inneggiano alla violenza, l’aspetto culturale non è affatto secondario, anzi. A lungo termine è proprio su questo fronte che occorre operare. Occorre aprire strutture in cui i ragazzi possano impegnarsi nello sport, nella musica, nel teatro» e «scuole aperte al pomeriggio con insegnanti capaci di far convogliare la rabbia di questi ragazzini in qualcosa di positivo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button