Cronaca

Bacoli, il sindaco dichiara guerra ai fuochi d’artificio: multe ai cittadini rumorosi, senza eccezione

Bacoli, continua la crociata del sindaco Della Ragione contro i fuochi d’artificio: i cittadini rumorosi vengono  puntualmente multati, nessuno sconto sia che si tratti di eventi singoli, che di manifestazioni pubbliche. Il primo cittadino non fa’ sconti a nessuno, e gli abitanti apprezzano.

Niente fuochi d’artificio a Bacoli: la battaglia del sindaco

Due episodi in pochi giorni, a raccontarli è lo stesso sindaco, molto attivo sui social. Il primo cittadino ha raccontato due episodi, che si sono verificati a poche ore di distanza, e i cittadini sono tutti con lui. Pioggia di consensi e commenti positivi.

 

Complimenti al ristorante che ieri notte, a Cuma, ha concluso la cena con uno spettacolo di fuochi d’artificio per deliziare i propri clienti. Peccato fossero rumorosi. Ed hanno svegliato dal sonno centinaia di famiglie. Bambini, anziani, lavoratori. Grazie a numerosi video, e l’aiuto dei residenti, siamo riusciti a rintracciare il fenomeno. Come premio gli spediremo un verbale molto salato. Sono certo gli servirà per imparare una lezione: a Bacoli si devono rispettare le regole. Ah, dimenticavo. L’ordinanza contro i botti rumorosi funziona come il giuoco del pallone. Primo fallo, scatta il giallo (con multa). Al secondo, sventoliamo il cartellino rosso. Espulsione, con chiusura dell’attività (ed, ovviamente, nuovo verbale). Cordiali saluti.

Fidanzati “rumorosi”

 

Una coppietta di fidanzati ha deciso di festeggiare il proprio anniversario in spiaggia, a Bacoli. Un’idea romantica. E per rendere indimenticabile l’evento, ha sparato dei fuochi d’artificio rumorosi. A due passi dal mare, dalle case. Un’idea geniale. A spegnere le candeline è arrivata la Polizia Municipale. Grazie all’aiuto di residenti, villeggianti e telecamere siamo riusciti a rintracciare gli incivili innamorati. Sono scattati verbale e denuncia. Con gli auguri del Comune di Bacoli. Volevano vivere un’esperienza scoppiettante. Beh, ci sono riusciti.



 

Articoli correlati

Back to top button