Cronaca

Nel mare di Baia trovata un’antica villa con vasche e piscine termali

Una villa con con vasche e piscine termali nel mare di Baia. Sarà un progetto di ricerca denominato «Il mare dei Titani»

Nel mare di Baia è stata scoperta una villa antica con tanto di vasche piscine termali. Vasche semicircolari, probabilmente parte di un impianto per abluzione con acque termali o marine. Vasche che potrebbero far parte di un’ampia dimora che si estendeva dove oggi è il castello di Baia, antica struttura aragonese che si affaccia sul promontorio a 51 metri dal livello del mare, difeso a Est da un dirupo tufaceo e a Ovest dalla profonda depressione creata dalla caldera di due vulcani, ora sede del museo archeologico dei Campi flegrei, sito nel quale sono conservati, tra gli altri, i reperti del ninfeo di punta Epitaffio a Baia, il complesso monumentale voluto dall’imperatore Claudio nel I secolo che giace a 7 metri dal pelo dell’acqua all’interno del parco sommerso.

Sarà un progetto di ricerca denominato «Il mare dei Titani» (che vede insieme Iulm, Parco archeologico dei Campi Flegrei, diretto da Fabio Pagano, e Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli) a comprendere con prospezioni subacquee di rilevamento geoarcheologico come si integrano queste strutture con le conoscenze già acquisite nell’area.

Baia, in mare scoperta una villa antica con vasche e piscine termali

“La presenza di strutture in opus reticulatum porterebbe a ipotizzare una loro datazione a una fase tra fine repubblica e inizi età augustea, momento di grande sviluppo di infrastrutture e edilizia residenziale, collegandole con le prime fasi insediative scoperte sotto il castello di Baia”, spiega Filippo Avilia, docente di Archeologia subacquea allo Iulm e direttore tecnico della sezione Marenostrum di Archeoclub d’Italia, archeologo subacqueo che tra Baia e Pozzuoli ha speso molto del suo tempo.

«Il mare dei Titani», coordinato dal funzionario del Parco Pierfrancesco Talamo, ha come obiettivo anche quello valorizzare e comunicare il patrimonio sommerso, ed è finanziato da Iulm e dal Parco Archeologico dei Campi Flegrei ed è in continuità con studi e iniziative portate avanti dalla stessa università dal 2018, non solo per lo studio, ma anche per la valorizzazione del patrimonio archeologico sommerso nell’area flegrea. I rilevamenti subacquei però sono finalizzati anche a uno studio sull’erosione del costone su cui grava il castello aragonese e a ridisegnare la linea di costa, integrando una prima planimetria elaborata negli anni novanta, con le strutture afferenti il versante occidentale del fortino Tenaglia.

La scoperta

Le esplorazioni subacquee proprio sotto il fortino hanno rinvenuto una platea in opera cementizia e altre due strutture rettangolari di notevoli dimensioni, per i quali sono in corso di analisi, in quanto completamente inediti. Fra le strutture che delimitano la linea di costa e il piede del costone tufaceo, trovata una significativa quantità di murature in opera reticolata, con rivestimento in intonaco bianco, più alcune strutture rivestite in cocciopesto.

Probabilmente la villa soprastante aveva abinuclei tativi lungo la costa, una sorta di dependance, con vasche che potremmo assimilare a piscine, con acqua di mare o alimentate da quella di sorgenti termali. Strutture poi sprofondate, come è accaduto per buona parte della Baia imperiale, per effetto del bradisismo. Tra un mese, intanto, le ricerche subacquee riprendono.

FONTE: CORRIERE DEL MEZZOGIORNO 

 

Articoli correlati

Back to top button