Cronaca

Bambino suicida a Napoli: “Altri due ragazzini contattati in chat dall’uomo nero”

Bambino suicida a Napoli: secondo quanto dichiara la mamma di un compagno di classe della vittima, altri due ragazzini avessero già sentito parlare di quell’uomo nero con la faccia di Pippo perché almeno due adolescenti, dello stesso ambiente, erano stati contattati sui social network da tal “Jonathan Galindo”, il profilo fake associato al personaggio della Disney.

Napoli, bambino suicida a 11 anni: la testimonianza di una madre

La donna, come riporta il Mattino, racconta che già durante il periodo del lockdown, una ragazzina di 14 anni , sarebbe stata contattata su Instagram. La minore avrebbe ricevuto un messaggio con scritto “So dove abiti”.  Il secondo episodio si è verificato un mese fa.

L’appello della famiglia della vittima

«La famiglia comprende il difficile lavoro di tutti gli organi di comunicazione ma, in questo momento di grande dolore, chiede un rispettoso silenzio», è l’appello alla riservatezza rivolto tramite gli avvocati Maurizio Sica e Lucilla Longone, che stanno assistendo la coppia di stimati professionisti napoletani. Sabato si svolgeranno i funerali.

Articoli correlati

Back to top button