Cronaca

Bimbo venduto al boss Ciro Rinaldi: la Corte di Appello ascolterà i “pentiti”

Corte d'Appello ascolterà pentiti sul bambino venduto al boss Ciro Rinaldi. La coppia, insieme con la madre, sono stati già condannati

Svolta nel caso del bambino venduto al boss Ciro Rinaldi. La seconda Corte di Appello di Napoli ha accolto l’istanza del sostituto procuratore generale e, quindi, verranno ascoltati due collaboratori di giustizia nell’ambito del processo che vede imputato il boss della camorra Ciro Rinaldi, accusato di avere acquistato, per 10mila euro, un bimbo dalla madre naturale di origine rom per donarlo a un affiliato e alla moglie con l’obiettivo di accrescere il suo consenso. Il primo dei due “pentiti”, Giorgio Sorrentino, (il secondo è Luigi Gallo, ndr) è stato convocato alla prossima udienza, fissata per il primo febbraio 2022.

Bambino venduto al boss Ciro Rinaldi, Corte d’Appello ascolterà pentiti

La coppia, insieme con la madre del piccolo, sono stati già condannati, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, per alterazione di Stato. Tutti sono stati ritenuti colpevoli di avere modificato i documenti di nascita del bimbo. Riguardo questa vicenda Ciro Rinaldi, detto “My Way”, difeso dagli avvocati Raffaele Chiummariello e Salvatore Impradice, incassò un’assoluzione in primo grado e l’aggravante camorristica non venne riconosciuta dal gup. Il boss dell’omonimo clan napoletano è attualmente detenuto al 41bis per duplice omicidio

Articoli correlati

Back to top button