Cronaca

Campania zona rossa: così i bazar dei cinesi non rispettano le regole

Bazar cinesi aperti in Campania zona rossa, polemica sugli acquisti. È possibile acquistare prodotti venduti in negozi ora chiusi

Parte dalla Campania ed in particolar modo da Napoli l’allarme legato ai bazar cinesi aperti nonostante la zona rossa, scattata lo scorso 15 novembre. Le nuove norme hanno portato alla chiusura di negozi di abbigliamento e botteghe di artigiani tra cui quelli dell’arte presepiale. Ma i grandi store di stampo cinese restano aperti, spesso aggirando le regole.

Campania zona rossa, i bazar cinesi restano aperti: è polemica

Come riportato dall’edizione odierna de Il Mattino, in molti negozi asiatici i reparti dove si vendono prodotti di abbigliamento sono stati sbarrati con del nastro. Basta però allungare una mano per afferrare un pantalone o prodotti attualmente non in vendita presso negozi dedicati (vedi pastori o palline colorate per gli alberi di Natale) e il gioco è fatto.

Regole non rispettate

Come testimoniato da foto e scontrini, 4 empori cinesi su 4 sparsi in altrettante zone di Napoli, ieri hanno venduto gadget natalizi e abbigliamento: statuina, sciarpa, albero, ghirlanda, mantella.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto