Curiosità

Bere caffè allunga la vita? I risultati (parziali) della ricerca

Bere caffè potrebbe aumentare le possibilità di avere una vita più lunga e consumarne grandi quantità non sembrerebbe essere un problema. Luoghi comuni sfatati da una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Jama Internal Medicine.

Analizzando circa mezzo milione di persone adulte, che vivono nel Regno Unito, si è osservato che i consumatori di caffè avevano un rischio di morte inferiore del 10-15% rispetto ai non consumatori su un periodo di dieci anni.

Caffè e longevità: la ricerca

All’esperimento, condotto da studiosi di diversi istituti e università statunitensi, hanno preso parte quasi 500mila donne e uomini di età compresa tra i 40 e i 69 anni, con una età media di 57 anni. I partecipanti hanno riempito un questionario e si sono sottoposti a degli esami medici, inclusi quelli del sangue. Il 78% di loro beveva caffè: circa un terzo ne consumava due o tre tazze al giorno, e 10mila almeno otto quotidianamente. Nei dieci anni successivi, 14.225 soggetti sono deceduti, la maggior parte a causa di un cancro o di un attacco di cuore.

I risultati

Dalla ricerca emerge che la caffeina può causare un aumento della pressione sanguigna per brevi periodi, soprattutto in persone con problemi genetici che la metabolizzano più lentamente. Ma, secondo lo studio, i consumatori di caffè non presentano maggiori rischi  di morire per patologie cardiache o per problemi legati alla pressione rispetto a chi fa a meno della bevanda. Al contrario, sembra che il consumo di caffè sia inversamente associato a tutte le cause di morte del campione indagato.

I benefici sulla salute sarebbero portati sia dal caffè solubile che macinato o decaffeinato. Non è chiaro come il caffè possa influire sulla longevità, ma secondo i ricercatori un ruolo chiave sarebbe giocato dagli oltre mille composti chimici in esso contenuti, inclusi degli antiossidanti che aiutano a proteggere le cellule dai danni. “Bere caffè può far parte di una dieta sana”, concludono gli autori della ricerca.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button