Politica

La bufala sul fratello di Renzi che guadagna 53mila euro al mese: “Assurdo”

“Questo Post allucinante – pubblicato su una pagina che fa il tifo per la Lega e per Salvini – ha ottenuto quasi 40.000 condivisioni. Una notizia stupida e assurda, che si unisce alla montagna di falsità sul mio conto, dai sacchetti di plastica all’aereo privato, dalla vacanza in Lamborghini ai miei acquisti immobiliari”. Lo scrive, sulla sua pagina Facebook, Matteo Renzi, condividendo una ‘bufala’ sul conto di suo fratello diffusa dalla pagina Facebook ‘Lignorante’ e diventata virale negli ultimi giorni. Come didascalia alla foto pubblicata dalla pagina in questione si legge: “Lui è Gianni Renzi, fratello ed ex portaborse di Matteo Renzi. 53mila euro al mese. Assenteista, fa la bella vita alle spalle degli italiani. Condividi se sei indignato”.

La reazione di Renzi

Renzi continua: “Dobbiamo combattere una battaglia di civiltà, di educazione, di rispetto per la verità. E dobbiamo farlo tutti insieme. I dati Istat che raccontano la realtà hanno decisamente meno condivisioni delle Fake News di questi signori. La lotta contro la disinformazione, rilanciata da organi di supporto alla politica, dovrebbe riguardare tutti quanti, non solo le vittime di un costante massacro mediatico tanto assurdo quanto pericoloso. Noi non molliamo”.

Ah, mio fratello fa il medico. Si è laureato con 110 e lode e poi se ne è andato dall’Italia quando ero sindaco, perché mi ha detto ‘Se resto qui, sarò sempre considerato tuo fratello e non valorizzato per ciò che valgo’. Si occupa di bambini malati di tumore e io sono fiero e orgoglioso di lui. Ha lavorato in Germania, Francia, Svizzera, Canada. Inutile dire – precisa ancora Renzi – che non si chiama Gianni e che non prende 53mila euro al mese”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto