Cronaca

Cardinale Sepe al CIS di Nola: “Il lavoro elimina il male”

Entro il 2020, l’Interporto Campano raddoppierà il numero degli addetti della impresa cargo. È quanto emerso, questa mattina, nel corso della visita del Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, presso il CIS/Interporto di Nola.

Le parole del Cardinale Sepe

Dopo aver visitato il polo logistico-distributivo, il Cardinale Crescenzio Sepe ha incontrato imprenditori e maestranze, esprimendo parole di speranza e di incitamento per tutta la comunità del CIS/Interporto: «Con il lavoro si combatte la criminalità che succhia il sangue ai nostri giovani. Il lavoro elimina il male. La criminalità è come l’erba cattiva che nasce dove non c’è niente da fare, dove non c’è lavoro e non ci sono alternative. Allora si è facilmente preda dei richiami di chi ti offre un lavoro che è mortifero.


new Fotosud - Napoli conferenza stampa cardinale Sepe di presentazione della serata di beneficenza che si terrà alla Rai. info in ogni singola foto (Newfotosud)


La famiglia

Invece, solo con il lavoro dignitoso un uomo si può sentire realizzato e può pensare alla realizzazione di se stesso ma anche a creare una famiglia, crescere in maniera sana dei figli e dare un contributo alla società, seguendo gli insegnamenti che il Signore ha dato. Oggi, ho visitato aziende dove imprenditori e collaboratori sono una vera famiglia. Questo è il vero senso cristiano dell’impresa: vi incoraggio a continuare a fare bene il vostro lavoro, senza dubbio per il vostro vantaggio, ma avendo sempre di mira la crescita e il benessere di chi vi circonda. I nostri giovani hanno bisogno del vostro aiuto ed il vostro compito è prezioso per la società».

«C’è bisogno di prendere coscienza di realtà positive ed eccellenti come CIS-Interporto. Qui c’è un esempio eccellente di come si possono superare le difficoltà con coraggio e di come si riesce anche concretamente a dare la possibilità a tanti ragazzi giovani di poter lavorare. E qui, naturalmente, si può toccare con mano come la disperazione ed il pessimismo non possono vincere, specie quando significa negare ai giovani quella speranza di cui hanno diritto per realizzare i propri sogni. Anche a nome della comunità dei Vescovi e di tutta la mia Chiesa vorrei dire a tutti voi, imprenditori e lavoratori: coraggio, non arrendetevi al male nè al pessimismo e non abbandonate mai la speranza».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button