gossip

Chef Cannavacciuolo: ”Ho vissuto senza mio padre”

Lo chef Cannavacciuolo, ha dichiarato di essere vissuto senza il padre. Dopo aver ottenuto la terza stella raggiunta dalla Guida Michelin 2023 per la sua Villa Crespi sul lago d’Orta, il famoso chef ha parlato della sua vita privata. Lo ha fatto in un’intervista pubblicata su Sette del Corriere della Sera.

Chef Cannavacciuolo: la vita senza il padre

“Ho vissuto senza mio padre. Lui aveva la scuola al mattino. E poi il lavoro al ristorante, parliamo di lavori davvero difficili e usuranti. Lavori per i quali non si riesce a fare una vita normale. Ecco perché lui non voleva assolutamente che io facessi il cuoco. Sognava che avessi un’esistenza diversa. E invece io sentivo che quella era la mia strada. Quando glielo spiegai, parlandogli col cuore aperto, mi disse solo: se vuoi fare questo lavoro fallo, ma devi essere sicuro che sei spinto da una passione vera. Altrimenti soffrirai tanto”, ha dichiarato.

Poi, per quanto riguarda Masterchef, ha dichiarato: ”Molti pensavano che Masterchef mi avrebbe danneggiato. Il luogo comune era: ah, adesso si è messo a fare televisione. Smetterà di lavorare. Smetterà di stare in cucina…. E invece io non ho mai abbandonato il mio lavoro. E vuole sapere anche un’altra cosa? Masterchef mi ha dato tantissimo. Anche gli stessi ospiti. Sono proprio fatto in un modo per cui cerco di prendere sempre il massimo da quello che avviene nella mia vita. E nulla mi passa accanto per caso”.

Il suo ultimo successo

Infine, delle parole anche sul suo ultimo successo: “La premiazione è stata un momento indimenticabile. Eravamo tutti davvero emozionati. D’altronde, credo si sia visto. Io, la mia famiglia, e tutto il mio gruppo storico siamo stati travolti da un’ondata di sentimenti pazzeschi quando abbiamo sentito l’annuncio della terza stella.

E poi non potrò mai dimenticare quando i miei colleghi si sono alzati in piedi e mi hanno abbracciato. Quegli abbracci, davvero, non potevano essere più sinceri. E non è cosa da nulla, credetemi”. “Io nasco cuoco e morirò cuoco. Non vedo nulla se non il mio lavoro. Tanto che a volte mi dico che sono fissato. Che vivo tutto questo quasi come una malattia… Non conosco davvero distrazioni”, ha concluso infine.

Articoli correlati

Back to top button