Politica

In commissione Scuola si discute sul progetto “La scuola fa notizia”

NAPOLI. Il progetto, patrocinato dall’assessorato ai Giovani del Comune di Napoli e diffuso in tutte le scuole attraverso l’assessorato all’Istruzione, ha registrato l’adesione di alcune decine di istituti cittadini di istruzione secondaria di primo e secondo grado, con una partecipazione crescente dei ragazzi coinvolti.

Il progetto

Diffuso su tutto il territorio nazionale e promosso dall’agenzia di stampa Dire, il progetto prevede la realizzazione di un percorso formativo che promuove attività laboratoriali, formative e seminariali sui temi dell’informazione, del giornalismo e della comunicazione, anche attraverso l’uso delle nuove tecnologie, rivolto a tutti gli studenti e ai docenti delle scuole. Un progetto interamente a costo zero e che prevede la presenza di docenti referenti delle redazioni scolastiche e la possibilità di richiedere la presenza di tutor dell’agenzia per momenti di approfondimento specifici. I contributi elaborati dai ragazzi/redattori vengono poi caricati direttamente dalle singole redazioni scolastiche nella piattaforma nazionale, dove oltre a condividere i lavori svolti è possibile reperire anche il materiale utile alla formazione.

La proposta

L’idea per il prossimo anno, ha proposto Credendino, è quella di ampliare il coinvolgimento delle Municipalità, che potranno direttamente sollecitare la partecipazione delle scuole/redazioni in eventi promossi sul territorio, che saranno poi documentati dagli studenti/fotoreporter e condivisi sulla piattaforma nazionale. In alternativa, eventi creati ad hoc dai ragazzi nell’ambito del progetto di formazione potrebbero diventare occasione di partecipazione aperta al territorio. In vista del prossimo anno scolastico, ha concluso la commissione, la progettualità sarà nuovamente riproposta alle scuole, auspicando una maggiore adesione che consenta ad un numero sempre maggiore di ragazzi di avvicinarsi ai temi dell’informazione e della  comunicazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button