Cronaca

Concorsi pubblici: abolito il voto di laurea

Discussioni in corso riguardo alla proposta di legge secondo la quale verrebbe abolito il valore legale della laurea nei concorsi pubblici.

La proposta di legge

Il 31 luglio, a governo giallo-verde già in carica, la deputata pentastellata Maria Pallini ha infatti depositato una proposta di legge che prevede «il divieto di inserire il requisito del voto di laurea nei bandi dei concorsi pubblici».

Non si tratta di una novità per il M5s: nella scorsa legislatura, Carlo Sibilia, attuale sottosegretario al ministero dell’Interno, aveva presentato una proposta con analogo titolo.

Riforme per i giovani

A giudizio del M5s, tuttavia, «oggi il Paese e soprattutto i giovani necessitano di una riformache garantisca la possibilità di accedere ai pochissimi e sempre più rari concorsi pubblicisenza alcuna discriminazione di sorta».

CONTINUA A LEGGERE

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto