Cronaca

Coronavirus, calo degli ingressi agli scavi di Pompei: almeno il 50% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019

Coronavirus, calo degli ingressi agli scavi di Pompei: almeno il 50% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019. Le disdettte arrivano principalmente dalle comitive di stranieri.

Coronavirus, 50% di ingressi in meno agli scavi di Pompei

L’effetto coronavirus si fa sentire anche tra le rovine del sito archeologico più famoso del mondo, Pompei. Secondo gli ultimi dati, infatti, pare che il calo delle presenze sia addirittura del 50%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Pioggia di disdette

A quanto sembra, sono soprattutto le comitive di stranieri a disdire. Inevitabilmente, insieme alla visita agli scavi, saltano anche le prenotazioni in alberghi e ristoranti della zona.

La folla fa paura

Il virus fa paura, e anche se si tratta di un sito all’aperto, che non prevede percorsi in spazi chiusi, si preferisce evitare, considerando il fatto che molti visitatori arrivano in gruppo, e rimangono in gruppi compatti lungo tutto il percorso di visita. Per quanto Pompei sia grande, rimane difficile rispettare le norme di sicurezza durante la visita.

Articoli correlati

Back to top button