Coronavirus a Castellammare di Stabia, due nuovi casi positivi: collegati al focolaio di Sant’Antonio Abate

nuovo-caso-coronavirus-pozzuoli

Coronavirus a Castellammare di Stabia, due nuovi casi positivi: sono collegati al focolaio di Sant’Antonio Abate. Si tratta di un 57enne e una 19enne

Coronavirus a Castellammare di Stabia, due nuovi casi positivi: sono collegati al focolaio di Sant’Antonio Abate. Si tratta di un 57enne e una 19enne, che sono in buone condizioni di salute e si trovano in isolamento domiciliare con le rispettive famiglie. A renderlo noto il primo cittadino, Gaetano Cimmino, i due casi che si sono registrati in città sono collegati al focolaio esploso di Sant’Antonio Abate.

Due nuovi casi positivi al Coronavirus a Castellammare di Stabia

La comunicazione del sindaco Cimmino: “L’Asl ha comunicato che due cittadini sono risultati positivi al Covid-19 a Castellammare di Stabia. Si tratta di un 57enne e di una 19enne, entrambi collegati al focolaio ormai noto di queste ore, che attualmente si trovano in isolamento domiciliare con i rispettivi nuclei familiari. Ai due cittadini contagiati auguro di rimettersi in fretta e di vincere la loro battaglia contro il virus.

E mi rivolgo a tutta la comunità stabiese: non abbassate la guardia e rispettate tutte le regole. Il virus è ancora in circolazione e negli ultimi giorni stiamo avendo la prova concreta di quanto sia subdolo e infido. Per questo motivo è fondamentale prestare la massima attenzione ed essere responsabili e maturi, come abbiamo già dimostrato soprattutto durante i due mesi del lockdown“.

Conclude Cimmino

“Ricordo inoltre che tutti coloro che sono stati ospiti delle strutture ricettive indicate nell’ordinanza regionale hanno obbligo di autoisolamento fiduciario per 14 giorni, coordinandosi con il proprio medico di base. A breve annuncerò nuove misure per il contenimento del contagio in città. Restiamo uniti e remiamo insieme per superare nel migliore dei modi il momento impegnativo e vincere questa sfida. Insieme ce la faremo”.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

 

TAG