Cronaca

Coronavirus, due medici in pensione che tornano in trincea per dare una mano

Franco Faella e Carmine Silvestri sono due eroi. Medici in pensione, sono stati richiamati in servizio per dare una mano per l’emergenza coronavirus. Avrebbero potuto dire di no, ma hanno accettato. Faella è in pensione già da cinque anni: dirigerà i nuovi reparti, appena ristrutturati dell’Ospedale Loreto Mare di Napoli, dove saranno ricoverati pazienti che hanno contratto il Coronavirus. Al suo fianco Carmine Silvestri, suo storico caposala, richiamato anche lui dalla pensione per entrare nello staff.

Medici in pensione tornano in servizio a Napoli per il coronavirus

Carmine Silvestri, ex caposala infettivologo dell’ospedale Cotugno di Napoli, ha deciso di tornare “in corsia” a 70 anni. Il camice bianco, da cinque anni in pensione, guiderà l’equipe di infermieri del Loreto Mare, l’ospedale designato a Napoli a raccogliere tutti i malati di coronavirus. Silvestri è stato richiamato dal suo ex direttore Franco Faella, primario emerito del Cotugno, che nonostante i suoi 74 anni, da è nuovamente operativo: richiamato dalla pensione, è stato nominato dalla Regione Campania coordinatore del reparto allestito per i pazienti contagiati dal Covid-19. Insieme a Silvestri metterà al servizio dei suoi colleghi l’esperienza maturata tra il 1980 e il 2015.

In prima linea durante l’epidemia di colera

Nel 1973 Faella era in prima linea durante l’epidemia di colera che colpì il Sud Italia, con epicentro la città di Napoli, causando il contagio di circa 280 persone e 24 morti accertate. Ma quest’epidemia è “un’altra cosa” racconta al quotidiano Il Mattino. “Allora si sapeva il tipo di infezione che si affrontava. Oggi siamo invece a contrastare un virus sconosciuto, completamente nuovo”. Faella sarà “consulente infettivologo – spiega – in un’attività che dovrà alleviare il carico di lavoro ai colleghi del Cotugno”. Secondo l’ex primario “bisogna essere ottimisti, affronteremo questa epidemia con tutto il rigore possibile come si è fatto finora, in attesa di raggiungere maggiori certezze sui farmaci”.

La sua scelta di rimettersi il camice a 74 anni? “È un dovere nei confronti della città, nei confronti della mia attività professionale”. E anche sul piano umano”, dice Faella all’Ansa, “dire di no mi sembrava una vigliacchieria”.

Medico torna in corsia a 70 anni: “Lo considero un segno di stima”

Con lui in corsia ci sarà anche Silvestri che a 70 anni vuole ancora rendersi utile perché, dice, in questo momento “tutti dobbiamo dare una mano”. “Lo considero un segno di stima” spiega Silvestri. “Mi sono ringalluzzito, facevo una vita da pensionato non piacevole, oggi invece torno a casa stanco la sera, non ho più le forze che avevo prima ma sto tornando in forma. Paura? L’abbiamo tutti chi dice il contrario dice una sciocchezza, dobbiamo usare tutte le armi che abbiamo. È una pandemia e non c’è un vaccino. Quindi ora c’è solo la prevenzione, la necessità di allontanarci uno dall’altro per evitare nuovi contagi”.


Le ultime notizie sul coronavirus

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto