Cronaca

Coronavirus a Napoli, l’avvocato: “Ho dovuto minacciare i medici di denunciarli per il tampone”

Coronavirus a Napoli, l’avvocato: “Ho dovuto minacciare i medici di denunciarli per il tampone“. Si tratta di un professionista 50enne.

La storia del malato di coronavirus a Napoli

Come ormai risaputo, a Napoli c’è un caso positivo di coronavirus. Si tratta di un avvocato 50enne, il quale ha raccontato cosa ha dovuto fare per essere sottoposto ai test per verificare le proprie condizioni.

Come riporta “Il Mattino”, l’uomo ha detto che si sarebbe trovato quasi costretto a denunciare i medici pur di potersi sottoporre alla prova del tampone. La sua reazione è stata dettata dal fatto che a nulla erano servite le sue telefonati ai numeri d’emergenza: nessuno infatti gli avrebbe dato risposta.

L’avvocato si è visto quindi costretto ad andare al pronto soccorso dell’ospedale Cotugno, dove ha aspettato insieme ad altre decine di persone. Il test l’ha fatto, ma solo in seguito sui giornali ha scoperto di essere il soggetto infetto. L’uomo era stato a Milano di recente, dato che ha due studi legali tra Napoli e Lombardia.

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button