Cronaca

Coronavirus: dopo due giorni a “quota zero” nuovo positivo a San Giorgio a Cremano

Dopo due giorni di “quota zero” si registrano nuovi casi positivi in Campania. Un giovane di San Giorgio a Cremano è risultato positivo al Coronavirus nella giornata di oggi, sabato 6 giugno. Ad annunciarlo è stato il sindaco della cittadina vesuviana, Giorgio Zinno. Il personale sanitario è ora al lavoro per ricostruire i contatti avuti dal giovane, soprattutto negli ultimi giorni. Si interrompe così, dopo 48 ore il record della Campania, che aveva fatto registrare giovedì 4 e venerdì 5 giugno nessun nuovo caso positivo al Coronavirus.

Coronavirus: nuovo caso positivo a San Giorgio a Cremano. L’annuncio del sindaco Zinno

Cari concittadini, purtroppo oggi abbiamo la notizia di un nuovo positivo: si tratta di un ragazzo“, ha detto spiegato il sindaco Giorgio Zinno, “La centrale epidemiologica comunale ha visto anche oggi lavorare i dipendenti dell’Asl e del Comune per tracciare tutti i contatti e tra essi ci sono molti giovani. Questo ci insegna, se ce ne fosse ancora bisogno che il virus è ancora presente e i comportamenti responsabili sono l’unica arma per difenderci. Più volte ho chiesto, specialmente ai giovani di avere comportamenti responsabili perché possono essere il veicolo con il quale infettare genitori in difficoltà o nonni anziani. Chiedo ancora una volta alle famiglie di non lasciare i figli senza controllo se non sono certi che abbiano comportamenti responsabili.”

“Probabilmente in questo caso abbiamo una situazione tranquilla che si risolverà velocemente”, ha concluso Zinno, “ma non dobbiamo abbassare la guardia. Cosa succederebbe se si infettassero diversi ragazzi che, stupidamente, si assembrano per strada di sera o di notte, in punti nascosti della città per sfuggire alle forze dell’ordine? Davanti a questo, le istituzioni possono fare poco: servono, invece, educazione e responsabilità. Comportiamoci correttamente, altrimenti rischiamo di ripiombare nell’incubo del Covid-19“.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button