Cronaca

Covid, Agerola in zona rossa rafforzata: sindaco chiude tutto alle 14, l’ordinanza

L'incidenza di nuovi positivi residenti pari a 598,10 su 100mila abitanti contro una media regionale di 284,43 su 100mila abitanti

Troppi casi di Covid 19 nel Comune di Agerola. Per questo motivo, il sindaco Luca Mascolo ha disposto la chiusura di tutti i negozi, compresi quelli di alimentari, alle ore 14 di tutti i giorni fino al 28 marzo e domenica per l’intera giornata, con l’eccezione delle farmacie, edicole e tabaccherie. Una vera e propria di zona rossa rafforzata.

 Covid, la situazione dei contagi ad Agerola

Secondo gli ultimi dati, aggiornati allo scorso 17 marzo, nei 7 giorni precedenti ad Agerola si sarebbe registrata un’incidenza di nuovi positivi residenti pari a 598,10 su 100mila abitanti contro una media regionale di 284,43 su 100mila abitanti, pari al 23,59% nel Comune di Agerola, rispetto al 12,10% rilevato in Regione Campania.

Tali dati – sottolinea Mascolo nell’ordinanza – evidenziano un netto aumento dell’indice di contagio rispetto alla scorsa settimana, durante la quale il Comune di Agerola presentava un’incidenza dei nuovi positivi a 7 giorni per 100.000 residenti pari a 364,06 con una media regionale pari a 261,86“.

Covid ad Agerola: l’ordinanza del sindaco Mascolo

“In base al quotidiano monitoraggio del COVID-19, si è evidenziato, a livello comunale, nelle settimane scorse uno sviluppo e una crescita continua dei contagi, per la quale è richiesta l’adozione di misure restrittive locali”. Per questi motivi, il sindaco ha ordinato, “con decorrenza immediata e fino al 28 marzo 2021”:

  • La chiusura del Cimitero in orario pomeridiano, salvo funzioni essenziali.
  • La sospensione delle funzioni religiose dalle ore 14.00.

Per le attività commerciali presenti sul territorio comunale, si dispone quanto segue:

  • La chiusura alle ore 14.00 degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio autorizzati ai sensi del DPCM del 2.3.2021(ivi compresi esercizi di vendita di generi alimentari, esercizi in modalità self-service, distributori di bevande et similia, servizi alla persona come lavanderie), ad eccezione delle farmacie, para-farmacie, edicole e tabaccherie. Dalle ore 14.00 e fino alle ore 22.00 è consentita la vendita con consegna a domicilio, per i soli esercizi di vendita di generi alimentari, saponi, detersivi e di prima necessità.
  • Per tutti gli esercizi commerciali di cui sopra, ad eccezione delle farmacie, para-farmacie, edicole e tabaccherie, è disposta la chiusura per l’intera giornata di domenica.
  • La sospensione del commercio al dettaglio ambulante autorizzato ai sensi del DPCM del 2.3.2021 dalle ore 14.00 e per l’intera giornata di domenica.
  • Per le attività di servizi di ristorazione (come pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie),tutti i giorni, fino alle 14.00 è consentito il servizio con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. La sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, è consentita, tutti i giorni, fino alle ore 22.00.

Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dal codice Ateco 56.3(bar e altri esercizi simili senza cucina), è consentito solo l’asporto, tutti i giorni fino alle ore 14.00.

  • La chiusura alle ore 19.00 dei servizi assicurativi, fiscali e simili, studi di commercialisti e consulenti del lavoro, studi legali e tecnici, assistenza sindacale e Caf. Tale limitazione di orario non vige per: studi notarili, studi medici, dentistici ed odontoiatrici, ambulatori veterinari.

L’ordinanza


Articoli correlati

Back to top button