Cronaca

Il Covid uccide un altro medico: lavorava nel carcere di Secondigliano

Il Covid continua a mietere vittime tra i camici bianchi: non ce l'ha fatta il 61enne Raffaele De Iasio. Il medico lavorava nel carcere di Secondigliano

Il Covid continua a mietere vittime tra i camici bianchi: non ce l’ha fatta il 61enne Raffaele De Iasio. Il medico lavorava nel carcere di Secondigliano.

Covid, morto medico del carcere di Secondigliano

Il dottor Raffaele De Iasio, dirigente sanitario del supercarcere, ha avvertito i primi sintomi di una maligna influenza cinque giorni fa. Subito dopo la drammatica conferma, e il ricovero in ospedale. Il decesso è avvenuto ieri mattina.

Il cordoglio di Cantalamessa

“Non ho mai conosciuto il dott. Raffaele de Iasio, dirigente sanitario del carcere di Secondigliano. Purtroppo oggi è venuto a mancare per il covid. Chi mi conosce sa perfettamente che le donne e gli uomini che portano la divisa hanno tutta la mia stima e la mia eterna gratitudine, così come tutti i medici ed i paramedici che combattono quotidianamente contro il covid. Il dott. de Iaso era sia l’ uno che l’ altro. Ha dato la sua vita per salvare vite e per garantire giustizia e sicurezza al nostro paese. Immagino abbia dei familiari ed a loro vanno le mie sentite condoglianze. A lui il mio personale ringraziamento per quello che ha fatto nella sua vita terrena e per quello che potrà continuare a fare da lassù per tutte le persone più deboli. Riposi in pace dottore”, scrive sui social il politico Gianluca Cantalamessa.

 

Fonte: Il Mattino


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto