Curiosità

Dimissioni di Carlo Tavecchio da Presidente della FIGC

FIRENZE. Oggi è stato il giorno del Consiglio Federale in via Allegri, nella sede della Federazione Italiana Giuoco Calcio. La presidenza di Carlo Tavecchio è in bilico: non si escludono le dimissioni. In lacrime, ieri, Tavecchio ha rilasciato un’intervista a Le Iene in cui ha escluso di andare via: . «Mi sento responsabile, ma non andrò via, non mi dimetterò. Domani presenterò il mio progetto e vedrò se ho ancora la fiducia che mi serve. Non dormo da quattro giorni, non mi capacito ancora. Italiani, abbiate pazienza: soffro insieme a tutti voi».

Al suo arrivo, Renzo Ulivieri, presidente AIAC, ha dichiarato: «La posizione dell’Associazione Allenatori è quella di aspettare le Leghe di A e B e poi decidere». Dal canto suo Giancarlo Abete, Consigliere Federale, poco prima delle 11:15, ha dichiarato di voler chiedere le dimissioni di Carlo Tavecchio.

A mezzogiorno giunge in Consiglio anche il presidente degli Arbitri Italiani, Marcello Nicchi, che ha dichiarato: «La cosa che tutti ci aspettiamo che Tavecchio prenda la decisione più saggia». Decisamente più severo Damiano Tommasi, numero uno dell’AIC: «Mi aspetto una scelta che andava fatta una settimana fa da parte di Tavecchio».

Alle 12:37, Carlo Tavecchio si è dimesso dalla presidenza della Federazione Italiana Giuoco Calcio. Non senza un velo di tristezza, queste sono le parole da lui pronunciate: «Sono rammaricato. Vado via perché ho perso. Mi scuso con tutti gli italiani».
«Le ambizioni e gli sciacallaggi politici – ha proseguito – hanno impedito di confrontarci sulle ragioni di questo risultato e ho preso atto del cambiamento di atteggiamento di alcuni di voi».

Articoli correlati

Back to top button