Cronaca

Ibiza, lite all’esterno di una discoteca: “Siete napoletani? Non potete entrare”

Niente discoteca ad Ibiza per due napoletani. A denunciare l’accaduto è stato Salvatore Ferraro, padre di Alessia Ylenia, con un post su Facebook.

Niente discoteca ad Ibiza per due napoletani, la denuncia

“Mia figlia Alessia Ylenia, in vacanza a Ibiza, ieri notte si è vista negare l’accesso al locale Hard Rock in quanto nata e residente nella provincia di Napoli”. La ragazza, 21enne di Somma Vesuviana, era in vacanza con un gruppo di amici.

Dopo aver controllato i documenti i buttafuori hanno comunicato ai ragazzi che non potevano entrare perché l’ingresso era riservato ai residenti. I giovani però si sono appostati nei pressi del locale notando poco dopo che ad un gruppo di italiani veniva concesso di entrare al party e hanno deciso quindi di ritornare davanti alla discoteca, come racconta Alessia a Il Mattino.

La lite

I buttafuori hanno così spiegato he non volevano napoletani nel locale. “Mia figlia e gli altri amici sono andati via addolorati e mortificati – continua l’uomo nel suo post – tra i cori di scherno di alcuni ragazzi milanesi che erano lì e che li hanno dileggiati. Tale comportamento è inammissibile e razzista ed è da stigmatizzare specialmente in quanto avvenuto in una struttura così nota a livello mondiale”.

 

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button