Cronaca

Uccide la madre e la fa a pezzi: i resti trovati in un borsone, figlio arrestato | IL NOME

Donna uccisa e fatta a pezzi a Pianura, arrestato il figlio. Convocato in caserma, il 47enne è stato ascoltato dai carabinieri

È stato arrestato il figlio della donna uccisa fatta a pezzi Pianura. I carabinieri di Napoli hanno sottoposto a fermo un uomo ritenuto responsabile di avere ucciso la madre Eleonora Di Vicino, 85 anni, alcuni giorni fa nell’abitazione della famiglia che si trova in via Montagna Spaccata. Si tratta di Eduardo Chiarolanza che ha confessato la macabra vicenda nel corso di un interrogatorio.

Donna uccisa e fatta a pezzi a Pianura, arrestato il figlio

Le indagini, hanno consentito di ritrovare una busta contenente parti del cadavere della vittima. Il borsone è stato ritrovato nella giornata di ieri, giovedì 9 settembre, sul ciglio di una strada circondata da faggi e castagni. Nelle scorse ore – come riportato da Il Mattino – sarebbe arrivata la confessione del figlio: “Sono stato io”. Sarebbe stata una donna di Pianura ad allertare le forze dell’ordine: da fine agosto non si avevano notizia della pensionata 85enne, madre di tre figli.

Napoli, resti umani in un borsone: figlio uccide la madre

Il responsabile sarebbe uno dei figli della donna, un 47enne con alle spalle problemi psichiatrici. Avrebbe ucciso la madre prima di farla a pezzi e metterne in resti in alcuni borsoni, poi abbandonati sul ciglio della strada che da Pianura conduce a Marano. Nel pomeriggio si era diffusa la voce del ritrovamento di resti di una donna. Sono così partiti gli accertamenti da parte dei militari.  Il borsone trovato sul ciglio della strada è stato portato via con un furgone della Polizia mortuaria.

La confessione

Convocato in caserma, il 47enne è stato ascoltato dai carabinieri. Inizialmente pare che abbia negato di conoscere particolari sulla strana assenza della madre; poi, il crollo emotivo. E le ammissioni. Parole che potrebbero aver instradato gli inquirenti verso quella contrada che cuce il quartiere di periferia con la collina dei Camaldoli e il comune di Marano. È qui che – in una zona poco distante da una discarica a cielo aperto – in una cappa irrespirabile di rifiuti che marciscono al sole sono spuntati quelli che sembrano dei resti umani. Facile immaginare che potrebbe esserci un nesso tra la scomparsa della donna e quel macabro ritrovamento (sempre che stamane sia confermata la presenza di resti umani, all’interno della borsa).

Chi è la donna uccisa a Pianura

Sarebbero di Eleonora Di Vicino, anziana pensionata di 85 anni, i resti umani trovati nei borsoni di tela blu abbandonati sul ciglio della strada che collega Pianura a Marano di Napoli. La donna era sparita, da fine agosto non si avevano sue notizie. Oltre al 47enne, sono stati convocati anche gli altri figli della donna, insieme a vicini di casa e conoscenti.

Articoli correlati

Back to top button