Politica

Elezioni politiche 2018, la vigilia: è silenzio elettorale

NAPOLI. Elezioni politiche 2018, è silenzio elettorale: dopo settimane di slogan, promesse, proclami, programmi, comizi et c., tocca ora all’elettore riflettere nel silenzio per poi domani decidere di recarsi o meno alle urne e votare.

Alle urne cinque anni dopo: la XVII legislatura

Cinque anni dopo si torna alle elezioni politiche: è stato un lustro, la XVII legislatura che ha visto l’alternarsi di diversi governi. Nel 2013 il centrosinistra, con Pierluigi Bersani leader, ottiene più voti ma non ha i numeri sufficienti per governare. Bersani non riesce a trovare una maggioranza per formare il governo, incassando il no del Movimento cinque stelle, che a quelle politiche ottiene un consenso notevole; successivamente venne l’esecutivo di Enrico Letta. È il 28 aprile 2013.

Nel dicembre del 2013 Matteo Renzi vince le primarie del partito democratico; il 13 febbraio 2014 il primo ministro Enrico Letta viene sfiduciato in sede Pd dal partito, che vota appunto una mozione nella quale chiede un cambio nel governo. Lo “Stai sereno” di Matteo Renzi diventa proverbiale. Il giorno dopo Enrico Letta rassegna le dimissioni al Quirinale. Tre giorni dopo il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano incarica Matteo Renzi di verificare la possibilità di formare un nuovo governo.

Il 21 febbraio 2014 Renzi sale al Quirinale con la lista dei ministri e il giorno dopo presta giuramento come presidente del consiglio. Il 5 dicembre, dopo la sconfitta al referendum costituzionale, Matteo Renzi annuncia le dimissioni, che vengono presentate il 7 dicembre. L’11 dicembre il presidente della Repubblica Sergio Mattarella incarica Paolo Gentiloni di verificare la possibilità di formare un nuovo governo. Gentiloni presta giuramento il 12 dicembre 2016.

Tre governi

Tre, quindi, i governi alternatisi nel corso della XVII legislatura, nel corso della quale sono stati eletti due presidenti della Repubblica (Giorno Napolitano riconfermato nel 2013, poi le dimissioni e l’elezione di Sergio Mattarella nel 2015) e nel corso della quale si è tenuto il referendum costituzionale (dicembre 2016).

La legislatura che sta per concludersi è stata quella immediatamente successiva al governo dei tecnici, il governo Monti, il governo che seguì l’ennesimo governo Berlusconi, il quale diede le dimissioni nel novembre 2011.

ELEZIONI POLITICHE 2018, I CANDIDATI IN CAMPANIA COLLEGIO PER COLLEGIO

 

Articoli correlati

Back to top button