Cronaca

Esplosione a Case Nuove, l’ombra della guerra tra clan

NAPOLI. Una deflagrazione nella notte, tanta paura ma per fortuna nessun ferito: tuttavia, pare ci sia l’ombra della camorra dietro l’esplosione di un ordigno rudimentale verificatasi nella notte tra sabato e domenica, intorno alle 4, nella zona delle Case Nuove, a Rione Traiano.

La dinamica

Come riportato dal quotidiano Il Mattino oggi in edicola, l’esplosione è stata generata dallo scoppio di un ordigno rudimentale destinato, quasi sicuramente, a un uomo che abita nella zona, già noto alle forze dell’ordine per associazione camorristica.

Lo scoppio ha divelto il cancello d’ingresso ad un viale, mandando in frantumi i vetri delle abitazioni ai primi piani. Lo spostamento d’aria è stato talmente violento da essere avvertito a centinaia di metri. In pezzi anche i vetri di una decina di auto in sosta. Le schegge dell’ordigno sono ancora visibili sulle carrozzerie delle macchine e su alcune pareti dell’edificio preso di mira.

Le indagini

Su quanto accaduto indagano le forze dell’ordine: tuttavia, ci sono pochi dubbi sul fatto che si tratti di un atto di guerra tra clan rivali, che si contendono il controllo della zona per gli affari illeciti della criminalità organizzata.

 

Articoli correlati

Back to top button