Cronaca

Falò di Sant’Antonio, la conta dei danni: tra babygang e rifiuti incendiati

NAPOLI. Il falò di Sant’Antonio che si è tenuto ieri in molte zone di Napoli e provincia sarà ricordato soprattutto per la guerriglia di alcune babygang e per i diversi danni che si sono registrati in molti punti del territorio.

I numeri

Come riportato da Il Mattino, gli interventi in città non sono mancati: tra centro storico, rione Sanità, Fuorigrotta, piazza Garibaldi e dintorni sono stati necessari 25 automezzi dei Vigili del Fuoco, con squadre di intervento e autobotti pronte ad intervenire o ad essere utilizzate. I pompieri sono stati affiancati da Polizia e Carabinieri. Tra i casi più clamorosi, c’è il “fucarazzo” appiccato in piazza Italia a Fuorigrotta, dove una banda ha pensato di utilizzare la fontana come braciere.

Inoltre, dal 12 gennaio e fino alla sera del 17 Asia ha effettuato 35 interventi per rimuovere le cataste di legname, cartoni e altri oggetti infiammabili che erano state preparate per i roghi, prelevando in totale circa 50 tonnellate di materiale. Per il pomeriggio del 17 il dispiegamento più ampio di risorse: 9 equipaggi. L’area dove i vigili del fuoco sono intervenuti più volte è quella di vico Lungo San Matteo (7), seguita da piazza Mercato (6), via Pascoli (3), San Gennaro dei Poveri, via Casale a Posillipo, via Santa Maria della Neve, via Canzanella Vecchia e piazza Poderico (2), via Posillipo, via delle Ginestre, via Bologna, vico Pacelli ai Miracoli, via Michelangelo Schipa, via Malibran angolo via Lettieri, via Regina Coeli, largo detto di Arianiello (1).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button