Cronaca

“Correte vuole suicidarsi”, ma quello aggrappato al cornicione è un ladro in fuga: arrestato

Un furto scambiato per un tentato suicidio a Castellammare di Stabia: arrestato il ladro acrobata. Secondo le prime informazioni, i carabinieri intervenuti per bloccare l’uomo erano stati allertati di un presunto gesto folle ma la verità era diversa da ciò che sembrava. Ecco cosa è successo nella giornata di ieri, domenica 7 luglio.

Furto scambiato per tentato suicidio a Castellammare di Stabia, arrestato il ladro acrobata

Un episodio che sembrava destinato a concludersi con una tragedia si è trasformato in un arresto per tentato furto. I carabinieri di Castellammare di Stabia sono stati chiamati in via San Catello con l’allerta di un presunto tentativo di suicidio, ma ciò che hanno trovato era ben diverso da quanto segnalato.

La dinamica

Il 7 luglio, intorno alle 16:00, la centrale operativa dei Carabinieri di Castellammare di Stabia riceve una segnalazione urgente: “Un uomo sta tentando il suicidio, vuole lanciarsi dal balcone!”. I militari si precipitano presso un appartamento al terzo piano di via San Catello, dove, secondo le informazioni, si trova un uomo in pericolo di vita.

All’arrivo dei carabinieri, la scena è paradossale: l’uomo in questione, sulla quarantina, è aggrappato al cornicione del balcone. Tuttavia, a differenza di quanto riferito nella segnalazione, alcune persone dalle finestre urlano per chiedere l’arresto dell’individuo.

Il colpo di scena

Dopo un’attenta osservazione, i carabinieri comprendono che il presunto suicida è in realtà un ladro in fuga. Il 36enne, originario di Casola di Napoli e già noto alle forze dell’ordine per reati simili, aveva poco prima cercato di svaligiare l’abitazione del 70enne pensionato che risiede al terzo piano del palazzo.

L’inseguimento e l’arresto

Il ladro era entrato nell’appartamento con l’intento di rubare beni di valore. Sorprendendo il vicinato con il suo comportamento sospetto, l’uomo aveva tentato di fuggire attraverso la finestra. Tuttavia, mentre si arrampicava sul cornicione, è stato notato dai residenti che hanno immediatamente avvertito le forze dell’ordine.

Il proprietario di casa, al momento dell’arrivo dei carabinieri, si trovava a Sorrento. Quando è rientrato ha trovato la sua casa in disordine e la camera da letto da cui il ladro era fuggito chiusa a chiave dall’interno. I vigili del fuoco sono stati chiamati per trarre in salvo l’uomo dal cornicione, mentre i carabinieri lo arrestavano.

Il 36enne, dopo essere stato tratto in salvo dai vigili del fuoco, è stato arrestato dai carabinieri e accusato di tentato furto. L’uomo è attualmente in attesa di giudizio e dovrà rispondere delle sue azioni in tribunale.

Il comandante della compagnia di Castellammare di Stabia ha dichiarato: “È stato un intervento che ha richiesto prontezza e attenzione. Le segnalazioni dei cittadini sono state fondamentali per il buon esito dell’operazione. Nonostante il caos iniziale, siamo riusciti a garantire che la giustizia prevalga e il ladro sia messo dietro le sbarre.”

Alessia Benincasa

Alessia Benincasa, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio