Cronaca

Sgominato giro di “squillo”: c’è anche il nonno di Fortuna Loffredo

Stando alle indagini condotte dai carabinieri di Casagiove, in provincia di Caserta, nel giro delle “squillo” ci sarebbe anche il nonno di Fortuna Loffredo, la vittima di sei anni scomparsa il 24 giugno del 2014 da un palazzo del Parco Iacp di Caivano (Napoli), dove abitava. I militari hanno notificato due arresti domiciliari e un obbligo di dimora: il giro di prostituzione sarebbe stato scoperto grazie ad annunci via web.

Anche per Antonietta Zuppa e Luigi Romano sono stati notificati provvedimenti di custodia cautelare: i due erano tra i principali artefici di quel giro di prostituzione. L’Arma, inoltre, ha sequestrato stabili adibite ad alcove – tra Caserta, Casapulla e San Nicola la Strada – subaffittate a prezzi maggiorati a prostitute e transessuali provenienti da tutta Italia, che vi stanziavano in media due settimane prima di lasciare il posto ad altri “colleghi”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button