Curiosità

Google, più controlli sulle pubblicità di propaganda politica

NAPOLI. Google rende più trasparenti le pubblicità politiche. In vista delle elezioni statunitensi di Midterm, la società ha annunciato che farà verifiche aggiuntive: per comprare spot elettorali sulla sua piattaforma, gli inserzionisti dovranno dimostrare di essere cittadini americani o residenti permanenti in Usa.

La mossa arriva dopo il Russiagate e il caso della Internet Research Agency, la “fabbrica di troll” russa accusata di aver comprato spazi a pagamento su Facebook, Google e altre realtà online. Facebook ha previsto controlli simili sulle pubblicità. Lo riporta l’Ansa.

La decisione di youtube

In un post del vicepresidente Ken Walker, Google ha spiegato che gli inserzionisti dovranno fornire una serie di informazioni. Inoltre, per favorire la comprensione degli utenti, gli spot politici dovranno comunicare in modo chiaro chi sta pagando per la loro pubblicazione. In estate, infine, sarà diffuso un nuovo rapporto sulla trasparenza dedicato alle inserzioni elettorali. Le nuove politiche di Google arrivano un mese dopo quelle di Facebook, che agli inizi di aprile ha annunciato nuove misure sugli spot politici: il social verificherà identità e luogo degli inserzionisti; gli spot saranno etichettati come “pubblicità politica” e sarà reso noto chi li sta pagando.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto