Curiosità

Guida Michelin, le sette migliori pizzerie d’Italia

NAPOLI. Nella Guida Michelin 2018 nessuna stella per le pizzerie italiane, ma solo perché la valutazione è “in piatti”. Nel volume rosso sono, infatti, ne sono citate almeno 7, tutte di Napoli, segnalate con il simbolo del piatto, che indica un buon pasto realizzato con ingredienti di qualità.

In attesa del verdetto dell’Unesco che, a dicembre, potrebbe fare della pizza un Patrimonio immateriale dell’Umanità, andiamo a scoprire quali sono.

Concettina ai Tre Santi. Situata nello storico e pittoresco rione Sanità, è una vera e propria istituzione. Qui vengono a mangiare anche i napoletani che condividono la sala con i tanti turisti. Tante le varianti da poter assaggiare, tutte piene di gusto.

“PizzAria” la Notizia. C’è il locale classico, al numero 53 di via Caravaggio, dove viene rispettata rigidamente la tradizione, mentre al civico 94 è di casa l’estro e la fantasia al servizio di sua maestà la pizza con gustose variazioni sul tema, tutte passate al vaglio di Enzo Coccia, maestro della pizza.

Pizzeria Sorbillo. Meta prediletta dai turisti, la pizzeria Sorbillo, situata in via dei Tribunali, è une delle più famose di tutta Napoli. Anche qui entrare non è semplice, la fila è sempre molto corposa, ma attendere vale la pena.

Pizzeria 50 Kalò. A piazza Sannazzaro, 50 kalò utilizza solo farine selezionate e ingredienti di prima qualità per confezionare delle pizze veramente “kalò”, ovverosia buone! Antico gergo, che attinge dal greco. E il 50? Altro riferimento alla tradizione napoletana e alla sua smorfia. Il numero corrisponde al pane o la pasta di pizza. Ecco quindi che l’arcano custodito nel nome 50 kalò si svela al primo assaggio di una delle pizze più apprezzate di Napoli.

Da Michele. Qui si mangia solo pizza pura, senza variazioni. Margherita o Napoletana, due le scelte obbligate nel rispetto pieno della tradizione. I clienti apprezzano, tant’è che all’esterno del locale c’è sempre la fila.

Pizzeria Starita. Situata nel quartiere Materdei, la pizzerie Starita sforna meravigliose pizze da più di un secolo. Pizza classica ma anche fritta, cotta nel forno a legna dalla stessa famiglia che tramanda, da quattro generazioni, la sua formula segreta.

Pizzeria Antonio e Gigi Sorbillo. Nata da un’antica tradizione di famiglia, cominciata nel 1935 con l’apertura del primo locale da parte di nonno Luigi. Oggi, Antonio e Gigi sfornano una pizza che è insieme tradizione e innovazione, fatta di prodotti del territorio campano, ingredienti di primissima qualità e di una farina di grano 0 con germe di grano vitale, macinato freddo a pietra, che è sinonimo di alta digeribilità e di un sapore che ricorda i tempi antichi.

Articoli correlati

Back to top button