Immigrato arrestato per estorsione: «Vuoi entrare nel Garage? 5 euro»

straniero-extracomunitario-vasto

Immigrato arrestato per estorsione: «Vuoi entrare nel Garage? 5 euro». L'uomo è stato bloccato ed arrestato dagli agenti della Polizia di Stato

Immigrato arrestato per estorsione: «Vuoi entrare nel Garage? 5 euro». L’uomo è stato bloccato ed arrestato dagli agenti della Polizia di Stato.

Immigrato arrestato per estorsione: «Vuoi entrare nel Garage? 5 euro»

Gli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio di Prevenzione Generale, ieri sera hanno arrestato Rahani Otman, maghrebino 45enne, responsabile di tentata estorsione. Gli agenti, su disposizione della locale sala operativa sono andati in via Lanzieri, dove una donna chiedeva aiuto perché un cittadino extracomunitario la stava minacciando. La donna , prontamente raggiunta dai poliziotti ha raccontato che, verso le ore 19.30, mentre rientrava in casa è andata nella via Lanzieri dove ha un garage di sua proprietà.


straniero-extracomunitario-vasto


Le minacce dell’immigrato

Nell’attesa che la porta del box, azionata dal telecomando si aprisse, ha visto pararsi dinnanzi la vettura l’uomo che in un italiano stentato le ha intimato di consegnargli cinque euro, altrimenti non le avrebbe concesso di entrare in garage. Scesa dall’auto per farlo desistere dal tentativo di estorsione, la donna è stata strattonata, aggredita e minacciata, e l’uomo ha ribadito, che se non lo avesse pagato non sarebbe entrata in garage. La signora è riuscita ad allontanarsi ed a chiamare il 113 per essere aiutata.

Il fermo dei carabinieri

Giunta la Polizia la donna li ha informati dell’accaduto indicando l’uomo responsabile degli atti fermo a poca distanza dall’auto ed ha, altresì, dichiarato che lo stesso soggetto aveva più volte richiesto soldi per farla accedere al suo garage e che, talvolta, l’aveva minacciata con una bottiglia rotta. I poliziotti sono riusciti a fermare il magrebino e con la formalizzazione della denuncia da parte della vittima ad arrestare l’uomo che è stato condotto, previa informazione all’autorità giudiziaria, presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale.