Politica

Incendi Monte Faito, da Vico Equense progetto da 2,5 milioni

VICO EQUENSE. La Giunta municipale di Vico Equense, in accordo con i Comuni di Pimonte e Positano, ha approvato un progetto di rifornimento idrico e bocchette antincendio sul monte Faito, a servizio anche dell’area forestale di Positano. L’intervento, per un importo complessivo di 2,5 milioni di euro, è stato candidato a finanziamento sulla misura 8.3.1. del PSR 2014-20 della Regione Campania. Nello specifico, si persegue l’obiettivo di contribuire alla salvaguardia del patrimonio boschivo, mediante la realizzazione di un sistema antincendio di distribuzione d’acqua disponibile sull’area del Faito, spesso attaccata da piromani senza scrupoli.

Monte Faito, le dichiarazioni del sindaco Buonocore

“Una sinergia tra Comuni, – il commento del Sindaco Andrea Buonocore – per il raggiungimento di obiettivi comuni nell’interesse di tutti.” L’intervento consiste nel mettere in collegamento le cisterne preesistenti sul territorio, attraverso delle bocchette in modo da creare un sistema antincendio che andrà ad alimentare vasche mobili dove gli elicotteri riusciranno a prelevare l’acqua più velocemente. L’area, l’estate scorsa è stata colpita da un violento incendio che ha interessato vaste aree a cavallo tra la penisola sorrentina e amalfitana, con una superficie bruciata molto estesa. Un bollettino di guerra. Perché di guerra si è trattato, scandita dal rumore degli elicotteri e dal rombo dei Canadair che per potersi rifornire di acqua erano costretti ad arrivare fino al mare. Le fiamme hanno interessato Montepertuso, Moiano, Santa Maria del Castello, la Conocchia, la Bannera, il Centro Sportivo, la Lontra, aggredendo e divorando parti di montagna conosciute con il nome di Maisto e Falangone.

“Per questi motivi – continua il Sindaco Buonocore – i Comuni di Vico Equense, Positano e Pimonte intendono dotarsi di un sistema antincendio, che sarà costruito in prossimità di alcuni luoghi strategici per l’approvvigionamento dell’acqua. Garantendo così i vigili del fuoco, lo svolgimento in condizioni di maggiore sicurezza delle attività antincendio boschivo e in particolare delle operazioni di estinzione da terra”.

Il progetto, che nasce dalla volontà di contribuire in primis alla salvaguardia del patrimonio boschivo, ha visto impegnato senza sosta l’Ufficio Europa e l’Assessorato ai finanziamenti europei retto da Daniela Gianna, con il supporto dell’Ufficio Lavori Pubblici, e il coinvolgimento dei Sindaci dei tre comuni coinvolti.

Un lavoro di squadra che si traduce in nuove opportunità per la Città di Vico Equense.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button