Cronaca

Paura nella notte, incendiata la moto del sindaco di San Giorgio a Cremano

Paura nella notte tra giovedì e venerdì a San Giorgio a Cremano: la moto del sindaco Giorgio Zinno è stata incendiata. Si pensa alla pista omofoba.

Paura per il primo cittadino

L’auto del sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, è stata incendiata insieme a due moto. È successo l’altra notte in un parco privato sito nella zona residenziale del comune. Dietro a tale gesto potrebbero essere già delle interpretazioni, una delle quali porta all’omofobia: Zinno infatti è il primo sindaco a usufruire della legge sulle unioni civili. Non è un caso che mesi fa ricevette una lettere minatoria a tal riguardo.

Il raid

Tutto è accaduto nella notte tra giovedì e venerdì, quando qualcuno ha cosparso di benzina il motociclo del sindaco, dando vita a un rogo che coinvolte ben 7 veicoli e costrinse e forze dell’ordine a intervenire insieme ai vigili del fuoco per domare le fiamme e rasserenare i residenti della zona, i quali avevano notato l’incendio provenire dal parco privato.

La lettera minatoria

La pista dell’omofobia o di un possibile ricatto è stata pensate nel momento in cui gli investigatori hanno riportato alla mente il caso di una lettera minatoria che Zinno ricevette alla vigilia del Gay Pride nello scorso mese di giugno. In realtà, un collegamento vero e proprio tra i due episodi non è ancora fattibile ma si indaga a tuttotondo per fare chiarezza sulla situazione.

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button