Cronaca

Incendio in una fabbrica ad Arzano, nube nera nell’area nord di Napoli

Incendio in una fabbrica di Arzano, aria irrespirabile e fumo nero. All'interno della struttura ci sarebbero grosse quantità plastica

Attimi di paura ad Arzano per un incendio divampato nella mattinata di oggi, lunedì 15 novembre. Il rogo sarebbe esploso alle 6 circa all’interno di una fabbrica, originando una alta colonna di fumo nero e denso nell’area nord di Napoli, alle spalle della collina di Capodimonte.



Incendio in una fabbrica di Arzano oggi, aria irrespirabile e fumo nero

Immediato l’arrivo sul posto di carabinieri e Vigili del Fuoco. I caschi rossi hanno dato il via alle operazioni di spegnimento, intervenendo con numerose autobotti. Al momento non sono note le origini del rogo. La causa potrebbe essere un guasto ai macchinari della fabbrica. Stando a questa ipotesi, le fiamme avrebbero aggredito velocemente i materiali infiammabili stipati nella struttura.


incendio-arzano-oggi-plastica-puzza-fumo-cosa-succede


Plastica all’interno della struttura

All’interno della struttura ci sarebbero grosse quantità di materiali plastici. In queste ore molti cittadini stanno condividendo gli scatti sui social, preoccupati per le conseguenze dell’ennesimo incendio destinato a rendere l’aria irrespirabile tra Napoli e la periferia. L’incendio è divampato all’interno di uno stabilimento specializzato nella produzione di articoli casalinghi e bomboniere dell’azienda Fab in via Evangelista Torricelli.

Il sindaco: restate a casa

“Si consiglia di tenere le finestre chiuse, di evitare spostamenti non necessari e di non intralciare la strade ai mezzi di soccorso – ha detto la sindaca di Arzano, Cinzia Arutaal momento i focolai sono due, le forze dell’ordine e i vigili del fuoco, accorsi tempestivamente sul luogo, si stanno coordinando per la messa in sicurezza del sito interessato. L’ente è in continuo contatto con gli organi suindicati per monitorare la situazione e tenere informata la cittadinanza su eventuali provvedimenti da adottare per la tutela pubblica”.

Articoli correlati

Back to top button