Cronaca

Influenza, il picco dell’epidemia dopo Natale

NAPOLI. Terminate le vacanze e con i primi freddi alle porte è inevitabile parlare del classico malanno di stagione: l’influenza. Secondo i media australiani è la peggiore degli ultimi decenni. Ne parlano in questi termini, dopo che negli scorsi mesi nel continente rosso l’epidemia annuale ha fatto 52 vittime, anche tra i giovani e i bambini. Alle nostre latitudini non ci sarebbe da stare tranquilli: il virus starebbe ora facendo rotta verso l’Europa, dopo aver già toccato il sud-est asiatico e la penisola araba.

Secondo gli esperti, nell’emisfero boreale bisognerà fare i conti con un’ondata di influenze pari a quella australiana.  “Per difendersi la prevenzione è fondamentale – evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti – lavarsi le mani, coprirsi la bocca con un fazzoletto o con il braccio quando si starnutisce o tossisce, e in particolare restare a casa quando si presentano i sintomi dell’influenza”. Il periodo più a rischio sarà come sempre quello dopo Natale con le basse temperature, che daranno un’accelerata alla diffusione dei virus influenzali.

Articoli correlati

Back to top button