Cronaca

Sequestrati 40 chili di pesce “fuorilegge” nei ristoranti: multe per 4500 euro a Ischia

Maxi sequestro di pesce fuorilegge ad Ischia: il blitz. Nel corso dei controlli sono state elevate sanzioni amministrative

Maxi sequestro di pesce ad Ischia. Nel corso degli ultimi giorni, personale militare dell’Ufficio Circondariale marittimo di Ischia, sotto il coordinamento della Direzione marittima della Campania, ha posto in essere un mirata attività di vigilanza in materia di pesca.

Ischia, maxi sequestro di pesce fuorilegge

I controlli effettuati, nell’ambito del territorio dell’isola di Ischia, hanno avuto come obiettivi primari la prevenzione e la repressione di attività illecite sulla intera filiera della pesca, dalla cattura allo sbarco del prodotto ittico, fino alle successive fasi di trasporto e commercializzazione, con particolare riguardo alla verifica delle informazioni che devono accompagnare tale prodotto in ogni fase commerciale – cosiddetta tracciabilità – alla repressione del fenomeno della commercializzazione di prodotto ittico allo stato di novellame, all’inosservanza delle norme in materia di corrette informazioni al consumatore finale e del rispetto della disciplina in materia di conservazione e scadenza del prodotto ittico.


ischia-sequestro-pesce-ristoranti-14-maggio


La scoperta

Nel corso dei controlli sono state elevate sanzioni amministrative, a carico di ristoratori, per un totale di 4.500 euro e il sequestro di circa 40 chili di prodotto ittico di origine sconosciuta, ovvero non tracciato, quindi sprovvisto di tutta quella documentazione che attesta la provenienza ed il metodo di cattura. L’attività di controllo, posta in essere dal personale appartenente al Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, persegue l’obiettivo di tutelare il consumatore finale, affinché possa fare un consumo consapevole del prodotto ittico che acquista presso le rivendite autorizzate ovvero che consuma presso i ristoranti, inoltre preservare la risorsa ittica dalla pesca illegale che rappresenta una delle cause dell’inesorabile impoverimento della fauna marina.

Articoli correlati

Back to top button