Politica

Lingua napoletana nelle scuole, incontro sull’utilità dei corsi

NAPOLI. La commissione presieduta da Luigi Felaco ha incontrato Davide Brandi, dell’associazione di promozione sociale “I Lazzari”, che ha illustrato  il progetto di corsi di napoletano nelle scuole, dalle elementari alle  superiori.

Il progetto e l’associazione “I Lazzari”

Il progetto rientra nelle attività che l’associazione porta avanti in  città “a tutela, difesa e diffusione della sana napoletanità” tra le  quali, oltre allo studio della lingua, si annoverano incontri sulla  cultura napoletana, visite guidate, spettacoli di musica tradizionale  come quelli compresi nel programma “Napoli city hall” che, patrocinato  dal Comune, si svolge nella Casina Pompeiana in Villa Comunale.

Strettamente legata alla cultura della città e alla sua storia, la  lingua napoletana è definita ancora dialetto perché ancora manca una  grammatica codificata e condivisa tra i diversi studiosi; tuttavia, il  napoletano è diffusissimo nel mondo, ed è oggetto di studio, ad  esempio nella musica classica; è il tratto distintivo di una identità  che va tutelata, ha spiegato Brandi, perché è la base sulla quale può  fondarsi l’incontro con identità e culture diverse.

Individuare i giovani e giovanissimi come target di questa educazione  è importante proprio nell’epoca della massima diffusione dei social  network e del successo delle serie televisive ispirate a Napoli:  spesso un “massacro” della lingua napoletana. Il progetto, che ha  destato grande interesse nella commissione scuola, alla quale hanno  oggi partecipato le consigliere Francesca Menna (Movimento 5 Stelle) e  Laura Bismuto (Dema), prevede una diversa tipologia di intervento per  le diverse scuole: comune a tutti i corsi è il riferimento, attraverso  l’etimologia, alla cultura e alla storia di Napoli, con un approccio  ludico per i bambini ed uno più articolato, comprendente lo studio  della grammatica, per gli studenti delle superiori; per questi ultimi,  anche lo studio di 9 canti danteschi nella traduzione, in napoletano,  a cura di uno degli insegnanti dei corsi organizzati da “I Lazzari”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto