Cronaca

I lockdown a livello locale sono i più efficaci: lo studio dell’Università Federico II di Napoli

I lockdown regionali sono i più efficaci: lo afferma uno studio dell’Università Federico II di Napoli, condotto in collaborazione con il Politecnico di Milano, Enea e l’Università di Salerno. La ricerca loda l’efficacia delle chiusure locali per controllare la diffusione dell’epidemia e contenerne l’impatto economico.

Studio dell’Università Federico II sull’efficacia dei lockdown regionali

La ricerca, coordinata dal professore Mario di Bernardo, ordinario di Automatica al dipartimento di ingegneria elettrica e delle tecnologie dell’informazione della Federico II, si basa su un modello matematico nella quale l’Italia è suddivisa in base alla compartizione regionale. Nel lavoro viene mostrato che strategie di lockdown a livello regionale, anche per brevi periodi di tempo, possono essere particolarmente efficaci per evitare, o contenere, nuovi picchi epidemici riducendo gli enormi costi economici di un lockdown nazionale.

Ricerca multidisciplinare

Lo studio è stato condotto dall’Università Federico II di Napoli, in collaborazione con il Politecnico di Milano, Enea e l’Università di Salerno, ed è stato pubblicato sulla rivista internazionale Nature Communications.

I dati

Lo studio mostra l’efficacia a livello regionale delle misure di lockdown intraprese dal governo nazionale tra marzo e giugno di quest’anno, rivelando l’esistenza di una correlazione tra il tasso di mortalità causati dal virus e i livelli di saturazione dei sistemi sanitari regionali.

La soglia oltre la quale non si può andare

La chiusura di una regione si attiverebbe quando il numero di malati di Covid-19 in terapia intensiva supera un livello di guardia indicato dal modello preso in esame, e revocato quando esso ritorna sotto la soglia. Il modello e la metodologia sviluppati possono essere facilmente adattati anche ad altri contesti nazionali ed internazionali e a diversi livelli (province, regioni, macro aree o nazioni).

Articoli correlati

Back to top button