Cronaca

Maltempo, grave la situazione a via Patacca

 SAN GIORGIO A CREMANO. Problematica via Alveo Patacca. Si è riunito oggi il tavolo tecnico convocato su richiesta del Sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, per affrontare il problema dell’ Alveo Patacca e dell’Alveo San Nicandro. All’incontro che si è svolto in Villa Bruno, oltre al vicesindaco Michele Carbone, erano presenti i rappresentanti dei comuni di Napoli, Ercolano, Portici, San Sebastiano al Vesuvio, Regione Campania, Consorzio di Bonifica Napoli e Volla e Gori.

“Dalla riunione – spiega il portavoce del Sindaco- è emersa la necessità di agire sia per limitare i danni provocati dalla pioggia sia con interventi a lungo termine per risolvere definitivamente il problema degli alvei coperti e scoperti.  Tutti i soggetti coinvolti infatti, si sono impegnati a compiere un primo sopralluogo congiunto a monte della tubatura, nel territorio di Ercolano per ridurre e col tempo eliminare le esondazioni che procurano allagamenti ed esalazioni insalubri nel comune di San Giorgio a Cremano. Inoltre proprio rispetto ai miasmi, il comune  di San Giorgio a Cremano, insieme a quello di Napoli e alla Gori ha stabilito che vengano effettuati maggiori controlli nel tratto dell’Alveo San Nicandro per mantenerlo pulito e ridurre così le conseguenze i cattivi odori”.

“Siamo riusciti a portare allo stesso tavolo di discussione tutti i soggetti coinvolti nella questione: Gori, Regione Campania, Consorzio delle Paludi di Napoli e Volla e i comuni confinanti che insistono su quest’area e che pertanto sono responsabili tutti allo stesso modo del disagio – spiega il Sindaco Giorgio Zinno – Sulla base delle criticità evidenziate è emerso  comunque che questo disagio che purtroppo persiste da anni è dovuto anche alla particolare morfologia del territorio che ha subito le trasformazioni che si sono succedute nel tempo”.

“Il nostro obiettivo è quello di risolvere il problema che attanaglia da anni i residenti di via Patacca – conclude il vicesindaco Michele Carbonefermo restando che i disagi nascono anche dalla conformazione del sottosuolo che resta di competenza della Regione Campania”.

L’incontro di oggi segue quello già avvenuto lo scorso 5 luglio, quando sempre il sindaco di San Giorgio a Cremano  aveva  convocato un tavolo tecnico puntando la lente d’ingrandimento sulla condizione precaria in cui versano gli alvei tombati e scoperti che attraversano il territorio comunale ma anche quelli confinanti e il comune di Napoli.

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button