Cronaca

Maradona sepolto senza cuore: è oggetto di studi scientifici

Maradona sepolto senza cuore, è oggetto di studi scientifici: “Quello di Diego pesava 500 grammi, normalmente pesa 300 grammi”

Maradona sepolto senza cuore per studiarlo. Il cuore è oggetto di studi scientifici. La rivelazione del medico scrittore Nelson Castro: “Quello di Diego pesava 500 grammi, normalmente pesa 300 grammi”.

Maradona sepolto senza cuore

Il cuore è stato estratto per capire le cause della morte. Il medico ha raccontato che il campione è stato sepolto privo del proprio cuore, estratto in precedenza. “C’era un piano folle delle barrabravas del Gimnasia y Esgrima La Plata per fare irruzione nella camera ardente e impadronirsi del cuore di Diego. Non sono arrivati a farlo perché sarebbe stato osare troppo, e comunque a quel punto il suo cuore era stato estratto per studiarlo e perché era molto importante per determinare la causa della morte. E, ovviamente, Diego è sepolto senza il cuore”.

Il peso del cuore

Ha sottolineato: “Pesava mezzo chilo quando normalmente un cuore umano pesa 300 grammi. Diego ne aveva uno da atleta, che di solito è più pesante, ma il suo era così anche per altri motivi, per esempio a causa dello scompenso cardiaco causato dalle sue varie dipendenze”.

Nessun passo avanti

Nessun passo in avanti significativo per l’inchiesta sulle cause della sua morte. Giovedì scorso è stata sentita la 37enne Mavys Alvarez, che fu l’amante dell’ex fuoriclasse quando lei era ancora minorenne. La donna ha anche presentato una denuncia per maltrattamenti nei confronti di alcune persone dell’entourage di Diego.

Parla di nuovo una delle figlie

E in queste ore è tornata a farsi sentire una delle figlie dell’ex fuoriclasse, Giannina, con un lunghissimo post su Instagram, postato assieme a una foto di lei da piccola in braccio al padre. “Sono disperata, la fragilità si impadronisce di me, mi sento spezzata…Ho bisogno che si faccia giustizia sulla tua improvvisa scomparsa. Vivere senza te mi risulta ogni giorno più faticoso: ti penso, ti sento, ti sogno, non sono un esempio e faccio ciò che posso”.

Articoli correlati

Back to top button