Cronaca

Napoli, il marito la picchia e lei perde il bimbo che portava in grembo

Il marito picchia la moglie incinta che perde il bambino. Nella serata del 14 luglio 2020 la Squadra Mobile ha eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla IV Sezione (fasce deboli) della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli a carico di Angelo Esposito, nato a Napoli, classe ’81, gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti aggravati e lesioni pluriaggravate commesse a danno della moglie.

Napoli, marito picchia la moglie incinta: lei perde il bambino 

Nel pomeriggio del 13 luglio, il 39enne ha accompagnato all’Ospedale San Giovanni Bosco la propria moglie, incinta al sesto mese, a cui sono state diagnosticate fratture multiple, con ecchimosi su svariate parti del corpo; la donna è stata ricoverata presso il reparto di ginecologia, dove i successivi accertamenti clinici hanno certificato l’interruzione della gravidanza e la morte del feto.

L’attività investigativa della Squadra Mobile ha consentito di accertare che la donna è stata vittima dall’anno 2016 di maltrattamenti fisici e psichici da parte del marito, le cui condotte aggressive si sono intensificate dal mese di marzo 2020, quando l’uomo l’ha segregata all’interno dell’abitazione familiare picchiandola con violenza quotidianamente.

L’arresto

Alla luce degli elementi acquisiti, sussistendo gravi indizi di colpevolezza a carico dell’uomo e considerate le esigenze cautelari, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli ha emesso un decreto di fermo di indiziato di delitto. Gli investigatori hanno rintracciato l’aggressore nei pressi dell’Ospedale San Giovanni Bosco, il quale, accompagnato presso la Questura, è stato successivamente arrestato in esecuzione del provvedimento.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto