Cronaca

Matrimoni falsi, un business illegale da migliaia di euro in Campania

TORRE DEL GRECO. Il giro d’affari dei matrimoni falsi bloccato dalla polizia di Stato ieri a Torre del Greco ha fruttato migliaia di euro alle persone coinvolte. L’ultima coppia, il cui rapporto gelido ha destato il sospetto degli investigatori, è stata scoperta proprio nell’area vesuviana.

La mente di questo business illegale organizzavano matrimoni tra uomini e donne italiani e stranieri per consentire a cittadini africani, ma anche provenienti da Bangladesh, Cina e Pakistan di ottenere la cittadinanza italiana. Il caso venuto alla luce nella giornata di ieri a Torre del Greco è in realtà uno dei tanti che si verificano da anni nella penisola. Nella fattispecie, gli stranieri interessati a questo giro d’affari pagavano 3.000 euro di cui 1.000 venivano versati nelle tasche della moglie consenziente.

Gli altri episodi

Indagini di questo tipo hanno portato, nel corso dell’anno che si è appena concluso, a scoprire anche altri casi analoghi.

San Gennaro Vesuviano

La zona vesuviana sembra essere quella maggiormente interessata dal fenomeno dei matrimoni falsi, come dimostra anche il fatto che le indagini si siano ora allargate a tutto il territorio del nolano e dei comuni che si trovano alle falde del Vesuvio.

Tra questi San Giuseppe Vesuviano si è trasformato in una sorta di terreno da esplorare: lo si evince anche dal tentativo di un cittadino del Bangladesh che ha tentato la via della cittadinanza optando per l’iter truffaldino sopra descritto.

Battipaglia

Non solo Napoli. Anche in provincia di Salerno, a Battipaglia, lo scorso luglio era stata scoperta una vera e propria organizzazione di matrimoni falsi. In quel caso le menti erano due sorelle del posto che combinavano matrimoni tra cittadini stranieri e italiani. Le due responsabili sono state arrestate, mentre ancora adesso le indagini proseguono in un’inchiesta che coinvolge circa 70 persone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button