Politica

Migranti, Salvini: “Da oggi l’Italia dice no”. Scoppia la polemica, anche sui social

In questo momento la nave Aquarius di Sos Mediterranée è in viaggio verso le coste europee con a bordo oltre 600 migranti, soccorsi questa notte in mare dopo che erano partiti dalle coste nordafricane.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha già avvertito Malta, mediante una lettera urgente, che, se non avesse accolto i migranti sull’isola, l’Italia non avrebbe messo a disposizione soluzioni alternative: il tutto, da qualche ora, tradotto nell’hashtag #chiudiamoiporti.

Salvini: “Da oggi l’Italia comincia a dire no”

“Nel Mediterraneo ci sono navi con bandiera di Olanda, Spagna, Gibilterra e Gran Bretagna, ci sono Ong tedesche e spagnole, c’è Malta che non accoglie nessuno, c’è la Francia che respinge alla frontiera, c’è la Spagna che difende i suoi confini con le armi, insomma tutta l’Europa che si fa gli affari suoi”, ha precisato Salvini sui suoi canali social.

“Da oggi – prosegue il leader della Lega – anche l’Italia comincia a dire NO al traffico di esseri umani, NO al business dell’immigrazione clandestina. Il mio obiettivo è garantire una vita serena a questi ragazzi in Africa e ai nostri figli in Italia”.

Quest’intervento si è aggiunto a un altro, sempre via social, che ha scatenato molte polemiche. Sfondo nero, espressione nera e abbigliamento elegante, oltre all’immancabile hashtag che diventa un messaggio politico: #chiudiamoiporti.

Immediate le risposte, molto polemiche, da parte di altri attori politici ma anche da utenti dei social e, quindi, elettori:

Non bisogna dimenticare, inoltre, che questa mossa di Salvini non rappresenta soltanto una “prova di forza” e un chiaro messaggio all’Europa da parte del nuovo governo M5S-Lega. In queste ore, e fino alle 23 di questa sera, si sta votando in oltre 700 comuni italiani. In attesa di sapere come andrà a finire la drammatica situazione Aquarius, questo- per il segretario del Carroccio – sarà stato senz’altro un particolare da non trascurare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button